31
gen
11

Pasta risottata al cavolfiore

Pasta risottata al cavolfiore

Ooooohhh, finalmente! Ormai avevate perso la speranza, vero? E invece rieccomi qua!
Ho appena controllato le statistiche di ieri e ancora, dopo 3 mesi di totale assenza e in pieno giorno festivo, siete stati oltre mille a passare a trovarmi… Grazie!
Devo ammettere che faccio una gran fatica a riprendere in mano il blog dopo la pausa forzata, ma per fortuna ho questo impegno con Felicetti che mi obbliga a fare uno sforzo in più e a rimettermi a scrivere queste mie ricette per voi.

Riprendiamo dunque con questa pasta “risottata”… in che senso “risottata”? Nel senso che la pasta in questo caso è cotta con lo stesso procedimento che viene usato per preparare il risotto, cioè tenuta appena coperta con del brodo a mano a mano che cuoce. Il vantaggio è che l’amido della pasta non si disperde nell’acqua per poi sparire nel momento in cui si scola la pasta ma si amalgama al sugo per renderlo più cremoso. Certo, bisogna prenderci un po’ la mano: le prime volte che ho provato questa cottura avevo usato troppa acqua oppure aggiunto troppo sale, ecc. Invece questa volta tutto è andato per il verso giusto. Forse c’entra anche la bontà della pasta utilizzata, ma di certo stavolta il risultato è stato eccellente davvero.
Non vi tedio con ulteriori discorsi, anche perché sono appunto 3 mesi che aspettate una mia nuova ricetta, e quindi ecco qua (dosi per 2):

  • 160gr di pasta tipo Sedani Monograno Felicetti ‘Matt’
  • 150gr di cavolfiore
  • 1 cipollotto
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • una puntina di peperoncino secco macinato
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • brodo vegetale, burro, parmigiano, sale e pepe bianco q.b.
  • una spolverata di polvere di pomodori secchi

Tagliate a rondelle fini il cipollotto (anche la parte più verde) e mettetelo a soffriggere per un minuto in un tegame con l’olio e il peperoncino, poi aggiungete il cavolfiore tagliato a pezzetti e un bicchiere d’acqua calda e fate andare a fuoco medio per 6-7 minuti finché si sarà ammorbidito (eventualmente aggiungete un altro mezzo bicchiere d’acqua). A questo punto versate il vino e lasciatelo sfumare.
Aggiungete la pasta e fatela brillare per un paio di minuti, quindi coprite con il brodo (non troppo: la pasta deve essere appena coperta), regolate di sale e di pepe e portate a termine la cottura continuando a coprire con il brodo man mano che questo evapora.
Al termine, togliete il tegame dal fuoco e fate mantecare con una noce di burro e una bella grattata di parmigiano. Servite ben caldo con una spolverata di polvere di pomodori secchi.

E ora spero di non lasciarvi a bocca asciutta per altri 3 mesi…

About these ads

31 Responses to “Pasta risottata al cavolfiore”


  1. 31/01/2011 alle 10:09 am

    la bellezza della semplicezza :)
    (ovvero: dove volano i dettagli)

  2. 31/01/2011 alle 10:31 am

    Ciao Fabien! Si può dire FINALMENTE?? Beh, ormai l’ho detto!
    Ma questa cosa della pasta risottata è fantastica!!
    Mi sa che la proverò a breve!
    Grazie (come al solito) per l’ispirazione!
    Cri

  3. 31/01/2011 alle 12:10 pm

    molto invitante; questo è il procedimento che più aiuta ad avvolgere la pasta di condimento. e poi è mezzogiorno, quindi ho fame. i tuoi ritorni sono sempre tanto graditi!

  4. 31/01/2011 alle 9:35 pm

    E’ sempre un piacere leggerti Fabien, come è un piacere guardare (e senza dubbio assaggiare) quella pasta così perfettamente avvolta nel suo condimento.

  5. 31/01/2011 alle 11:11 pm

    fameeeeeeeee…. in realtà questa sera a cena, dopo due giorni di identità golose e paste e delizie di ogni tipo indovina cosa ho cucinato?

    Bellissima idea e poi amo molto la pasta con il cavolfiore!
    ;D

  6. 7 Ady
    01/02/2011 alle 2:47 pm

    Heilà, ci sei mancato caro Fabien, ma per fortuna c’è Felicetti che ti riporta tra di noi,la pasta con il cavolfiore è un classico invernale a casa mia, da provare anche la tua versione ;))
    P.S. ma davvero vuoi espatriare?? Me l’ha detto un “uccellino” ;))

  7. 01/02/2011 alle 5:30 pm

    @Ady… non so di cosa stai parlando :P

  8. 02/02/2011 alle 12:01 pm

    Buona la pasta risottata! Tempo fa io ho fatto una psta risottata alle patate e mi è piaciuta un sacco! Oggi voglioprovare a fare una simil cacio e pepe e vediamo cosa viene fuori!

  9. 06/02/2011 alle 8:31 pm

    procedimento di cottura che ti copierò molto presto. Secondo me questo piatto è buonissimo, in sintonia perfetta con i miei gusti!

    p.s. se dovessi espatriare dalle mie parti fammi un fischio, eh? ;-)

  10. 23/02/2011 alle 10:04 am

    Alla fine ci ho provato anche io, ma non avendo cavolfiore in casa mi sono cimentata con zucchine, piselli e speck. Risultato ottimo, la pasta si “impregna” del sapore degli ingredienti e tutto risulta più amalgamato. Moooolto buona!!!
    Grazie Fabien!

  11. 14/03/2011 alle 5:38 pm

    Questa pasta è davvero meravigliosa…..!!!!!!

  12. 20/03/2011 alle 1:52 pm

    Cosa dire della Pasta risottata al cavolfiore!?! una gran bel piatto di tutto gusto! mi ricordo di averlo trovato nel menu di un ristorante di roma, ma ero un po scettico a suo tempo! ora mi segno la ricetta.
    Complimenti!

  13. 16 Diakranis
    21/03/2011 alle 5:42 pm

    Domani provo a farla! Io adoro fare la pasta risottata!! e ho giusto un cavolfiore in frigo! :-)

  14. 30/03/2011 alle 11:18 pm

    grazie per lo spunto :) avevo provato a farla tanto tempo fa..e mai piu riprovato..ma con il cavolfiore mi sembra un’ottima idea.

  15. 02/04/2011 alle 6:53 pm

    Ciao Fabien! Sei espatriato davvero? Beh, io ho dedicato a te e al tuo blog un premio :) Se passi da me, lo “ritiri” nel post del 1° aprile. Ciao!

  16. 07/04/2011 alle 7:32 pm

    Sarà stata una vera delizia!
    A presto
    Gialla

  17. 08/04/2011 alle 10:27 am

    Nella sua semplicità questa pasta è elegantissima. Complimenti Fabien!

  18. 08/04/2011 alle 11:06 am

    Con una ricetta cosi deliziosa io consiglio di accompagnare un ottimo vino pugliese.
    Magari un Trismegisto molto armonico.

  19. 09/04/2011 alle 11:00 am

    Carissimo/a
    Sto per aggiornare l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html

    sergio.

  20. 23 violadesideri
    03/05/2011 alle 12:54 pm

    Buuuuooono!!!

  21. 24 roberto
    22/05/2011 alle 7:49 pm

    Ciao e complimenti per il blog!! Ti scrivo per informarti che sto organizzando un contest sul mio blog e mi piacerebbe che tu partecipassi!! Se ti va vieni a vedere qui: http://myart-robertomurgia.blogspot.com/2011/05/cook-with-my-art.html#.TdlKeVtAIXA
    Ciao e grazie
    Roberto

  22. 23/05/2011 alle 9:45 am

    Pasta risottata al cavolfiore!? un primo piatto davvero gustoso! complimenti! da provare assolutamente nelle cucine italiane!

  23. 16/07/2011 alle 2:41 pm

    Snno capitata qui per caso e leggo che la “rinascita” ti ha portato a rallentare l’attività qui, egoisticamente, per me è un peccato ma quello che hai lasciato mi permetterà di prendere spunti per la mia cucina, ciao.

  24. 28/09/2012 alle 2:06 pm

    Verrà bene anche col broccolo…. ne ho un paio in frigo che aspettano di essere cucinati!
    Complimenti per il blog, è pieno di ricette gustose!!!

    Io invece sono nuova da queste parti, il mio blog è aperto da un mesetto.. passa a darmi un parere! http://fiocchidiburro.wordpress.com/

  25. 28/09/2012 alle 2:07 pm

    Ops, ho mancato un punto di domanda!!! Lo volevo chiedere a te se posso usare il broccolo al posto del cavolfiore, non era un’affermazione :P

  26. 28/09/2012 alle 7:04 pm

    @Fiocchi di Burro… ciao Silvia :) Secondo me puoi usare tranquillamente pure i broccoli. Vedi te come bilanciare i sapori con il broccolo ma gli ingredienti bene o male possono rimanere gli stessi. :D


Comments are currently closed.

Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 164 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: