07
Mag
07

Filetti di gallinella al limone e Gin

Pesce al Gin

Uno dei temi proposti all’interno di Slow Fish (la fiera alimentare dedicata al pesce che si conclude oggi) è la riscoperta del pesce cosiddetto “povero” all’interno di piatti belli, saporiti, appariscenti o comunque finora pensati unicamente per il pesce più pregiato. Ovviamente non potevo mancare l’occasione di questa fiera per proporre un piatto a tema, giusto per trovare ancora una volta la scusa per scrivere una breve introduzione alla ricetta… La gallinella è un pesce sicuramente “povero”, che ho comprato alla Coop a meno di 3 euro (7-8 filetti, ca 350gr), della stessa famiglia delle triglie e dalle carni assai gustose e Slow Fish (non ci sono andato, ho solo visto i servizi in TV) mi è cascato proprio a fagiuolo per andare a presentarvi la ricetta…

  • 350gr di filetti di gallinella
  • 3 cucchiai d’olio
  • 1 limone
  • 1/2 bicchierino di Gin
  • prezzemolo
  • burro
  • sale e pepe

La prima cosa da fare, se ci riuscite senza disfare le carni morbide della gallinella, è eliminare quelle due o tre lische che ancora si trovano nei filetti: giusto per non ritrovarvi sgradite sorprese durante il pasto. Allineate quindi i filetti in un piatto fondo e versatevi sopra la marinata composta da un’emulsione di olio e succo di limone cui avrete aggiunto il prezzemolo tritato e il sale. Coprite il piatto con la pellicola e lasciate riposare in frigorifero per un paio d’ore.
Trascorso questo tempo, sciogliete una noce di burro in un tegame e cuocetevi, a fuoco vivace, i filetti con la loro marinata. Tre minuti per parte e rigirandoli una volta sola perché sono assai delicati.
Una volta asciugata la marinata, versate il gin e lasciatelo sfumare. Quindi servite ben caldo con una macinata di pepe.


12 Responses to “Filetti di gallinella al limone e Gin”


  1. 07/05/2007 alle 12:53 pm

    Ma che delizia la tua ricetta!!!!🙂
    In tema con il mio week-end appena trascorso a Genova alla fiera di Slow-fish!

  2. 08/05/2007 alle 12:14 pm

    interessante l’aggiunta di Gin finale.

  3. 3 robbby
    10/05/2007 alle 5:21 pm

    mmmm…semplice e gustosa…mooolto interessante!!!

  4. 4 Mara
    12/05/2007 alle 3:36 pm

    Ottima anche se dimentichi la marinata di pesce nel frigo per più tempo ;-)!!!!

  5. 18/10/2008 alle 6:48 pm

    Oggi ho comprato dei filetti di Gallinella ed ho cercato sul web come cucinarli.
    Ho trovato la tua ricetta e domani sera la gusterò,poi ti farò sapere.

  6. 21/12/2008 alle 9:45 pm

    io ho sostituito il prezzemolo con il coriandolo e il cognac col gin.
    piuttosto buono!
    grazie per la ricetta, non sapevo proprio come fare un grosso filetto di gallinella!

  7. 7 Paguro
    14/01/2009 alle 7:06 pm

    pesce povero giusto alla coop….
    direi che a taglio grosso e selezionato diventa uno dei più cari e validi

    dragoncello, succo di limone e cognac in marinata, il gin dovrebbe andare bene per la cottura ma occhio a farlo sfumare violentemente e al 100 per 100

  8. 01/05/2009 alle 7:16 pm

    se metto in forno, in una pirofila senza burro il risultato è lo stesso?

  9. 02/05/2009 alle 8:50 am

    @Gianluca… se non vuoi usare grassi per avere una cottura più leggera utilizza comunque la carta forno nella pirofila per evitare che i filetti si attacchino alla teglia. Siccome però i filetti in padella andrebbero rigirati per una cottura uniforme, forse per una cottura in forno è più adatto un cartoccio… vedi un po’🙂

  10. 10 carletto
    24/09/2011 alle 3:29 pm

    io filetti di gallinella ne ho mangiati recentemente in un ristorantino sul mare, marinati ma FREDDI, e direi OTTIMI ! non saprei se prima del raffreddamento fossero crudi o cotti, quindi la mia domanda è : è possibile che abbia gustato una ricettina di gallinelle marinate CRUDE ?

    PS la marinatura era a base di lime (non limone) pepe fresco e erbette varie, e non c’era nulla di alcoolico

    grazie ciao e buon appetito!

  11. 24/09/2011 alle 10:30 pm

    @carletto… è assai probabile che fosse stato servito come piatto freddo ma che fosse stato lasciato freddare dopo una breve cottura. La marinatura gli ha dato una prima “cottura” nel lime ma poi dovrebbe essere stato spadellato per qualche minuto.


Comments are currently closed.

Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

  • Circa 4 anni senza pubblicare alcuna ricetta, eppure ancora oggi 120 persone sono venute a visitare il blog...... fb.me/3T3TJPa6i 1 year ago
  • OK, sono stato definitivamente assimilato: dolce inglese per Capodanno! Baileys Trifle. Potrei pure farci un post... ;) 1 year ago
  • Can you eat amazing food in Belfast? Yes, you can! 3 places out... (White Chocolate And Honeyco... @ Made In Belfast) foodspotting.com/reviews/5107079 2 years ago

La Cuisine de Fabien su Facebook

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: