15
Ott
09

Due risotti insoliti (birra e caffè)

Due risotti insoliti

Sì sì lo so, sono passati di nuovo un sacco di giorni. Ovviamente non è che nel frattempo io non stia preparando nulla, anche l’altro ieri ci siamo fatti un ottimo cous-cous per proteggerci da questa nuova ondata di freddo, è che non riesco proprio a trovare quelle due ore di tempo che mi servono per lavorare sugli scatti da pubblicare e scrivere poi i testi. E mi dispiace perché siete sempre di più ad accordarmi la vostra fiducia continuando a seguirmi anche su Facebook (altri 80 fan in un mese, grazie mille davvero) e su Twitter, facendomi anche scoprire realtà molto interessanti come Cuoco a Domicilio (hmmmm, potrebbe essere un’idea) e nuove ricette come il Pan Co’Santi senese… e alla fine io vi ripago con settimane di assenza.
Non ho neppure scritto un post sul mitico DeGustibooks, che comincia proprio oggi alla Fortezza Da Basso di Firenze (nell’ambito del Festival della Creatività) e che offre un programma davvero molto ricco, tra food-shows con cuochi famosi (oggi Velia De Angelis e a seguire Sergio Maria Teutonico, Arturo Dori, Filippo La Mantia e Italo Bassi), degustazioni, “duelli” culinari (i panini di Marco Stabile e Marco Bolasco) e dibattiti (Stefano Bonilli e Andrea Gori su tutti). Chissà se il Romanelli riuscirà a perdonarmi… Ah, a proposito: sempre nell’ambito di DeGustibooks, domenica alle 10:30 ci sarà il raduno dei food-blogger (io parteciperò senz’altro ma non so se interverrò visto che in quest’ultimo anno non sono stato poi così attivo in Rete) per cui se avete in mente di passare da Firenze venite a trovarci!
Bando alle ciance, veniamo alle due ricette (devo recuperare!) di oggi…
Il primo risotto “insolito” di oggi è aromatizzato con la birra scura (nel mio caso una birra artigianale prodotta qui vicino, a Vernio, con sentori di marroni e sottobosco):

  • 4 pugni di riso (per due persone)
  • 60cl di birra scura
  • 1/3 di cipolla
  • brodo vegetale
  • olio extravergine di oliva
  • burro
  • zenzero fresco
  • parmigiano grattugiato
  • sale

Tritate finemente la cipolla e fatela appassire lentamente in un tegame con 2 cucchiai di olio d’oliva. Aggiungete il riso e fatelo brillare per un paio di minuti mescolando.
Versate la birra (e un pizzico di sale) e lasciatela sfumare a fuoco vivace, senza però farla evaporare proprio tutta. Continuate la cottura abbassando il fuoco ed aggiungendo poco alla volta il brodo vegetale, in modo da lasciare il riso sempre coperto dal liquido… i tempi qui variano molto quindi mi fido delle vostre capacità, diciamo che in circa un quarto d’ora dovrebbe essere pronto.
Spegnete la fiamma e mantecate con una noce di burro ed un po’ di parmigiano, quindi (se vi piace) grattugiate sul riso un po’ di zenzero fresco.

Il secondo risotto a mio avviso è ancora più “insolito” e va detto che la ricetta non è mia ma mi è stata suggerita dal buon Sabino, uno che la sa molto lunga in ambito food&wine. L’ingrediente principale? Il caffè.

  • 4 pugni di riso (sempre le solite due persone)
  • 2 tazzine di caffè (a vostra scelta)
  • olio extravergine di oliva
  • mezzo scalogno
  • brodo vegetale
  • 100gr di scamorza affumicata
  • sale

La preparazione segue più o meno quanto detto per la ricetta precedente: tritate lo scalogno, fatelo appassire nell’olio, unite il riso e brillatelo. Unite il caffè e fatelo sfumare stando molto attenti a non bruciarlo (qualche secondo dovrebbe bastare), quindi andate avanti aggiungendo, al solito, il brodo vegetale poco per volta e regolando di sale se occorre.
Al termine della cottura, fate mantecare con la scamorza affumicata tagliata a cubetti e servite caldo.
Se non ricordo male, Sabino mi aveva detto di sfumare il riso anche in due dita di vino bianco ma mi pare che il risultato non abbia risentito della sua mancanza. Certo il sapore è particolare, ma spero vi sia venuta abbastanza curiosità da provarlo… potrebbe sorprendervi!


10 Responses to “Due risotti insoliti (birra e caffè)”


  1. 1 Elisa
    15/10/2009 alle 2:01 pm

    Su Fabien! Direi che il tuo post è così ricco di suggerimenti e buoni propositi che non si può non perdonarti! Buon tutto!

  2. 15/10/2009 alle 2:03 pm

    direi che sono decisamente abbastanza curiosa, soprattutto con il secondo!

  3. 15/10/2009 alle 4:28 pm

    Ciao Fabien! Finalmente ho l’occasione per scriverti; ti seguo da un bel po’, anche su Fb e Twitter, ma solo ora ho anche io un blog! Ho appena scoperto i risotti, ne faccio un sacco, ma finora mi sono limitata ai classici (zucca, zafferano, salsiccia). Però, con un fidanzato birra addicted non posso non provare il tuo primo risotto!! Ti farò sapere, tu intanto se vuoi passa a trovarmi!!

    Alice

  4. 15/10/2009 alle 4:46 pm

    un risotto davvero insolito e originale pero di te ci si puo fidare quindi lo preparerò sicuramente!!baci imma

  5. 16/10/2009 alle 2:04 am

    Caro Fabien,
    questo di abbinamento mi mancava…perciò lo proverò quanto prima.
    Mi è arrivata una birra artigianale di ottima fattura ( pel prezzo meno….vabbò)e ti farò sapere. Vai al raduno dei food blogger sennò mi arrabbiooooooooooooooooooo………….

  6. 16/10/2009 alle 2:59 am

    Mi inchino di fronte ad un altro VIP che giunge a commentare su queste pagine… Velia, tu mi onori.🙂

    E un sentito ringraziamento a tutti per la grande pazienza: visti i tempi tra una ricetta e l’altra, mi stupisco ogni volta nel vedere in quanti visitate il blog ogni giorno!

  7. 16/10/2009 alle 3:05 pm

    la versatilità dei risotti è una delle caratteristiche che amo di più di questa preparazione: a volte basta cambiare il liquido di cotttura o parte di esso per ottenere un risultato sorprendente. come questi tuoi! ciao!

  8. 17/10/2009 alle 8:27 pm

    CURIOSISSIMO!!! BRAVO FABIEN

  9. 08/12/2009 alle 11:53 am

    direi che della sfumatura enoica si può tranquillamente fare a meno.
    Si tratta più che altro di equilibrare la quantità di caffè – fondamentale per non far prevalere l’amaro – e la scamorza (quale? a Firenze mica se ne trovano di veramente ma veramente buone): io prediligo il palagiaccio, affumicata al naturale e non troppo ‘fumosa’🙂
    grazie per la citazione


Comments are currently closed.

Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

  • Circa 4 anni senza pubblicare alcuna ricetta, eppure ancora oggi 120 persone sono venute a visitare il blog...... fb.me/3T3TJPa6i 1 year ago
  • OK, sono stato definitivamente assimilato: dolce inglese per Capodanno! Baileys Trifle. Potrei pure farci un post... ;) 1 year ago
  • Can you eat amazing food in Belfast? Yes, you can! 3 places out... (White Chocolate And Honeyco... @ Made In Belfast) foodspotting.com/reviews/5107079 2 years ago

La Cuisine de Fabien su Facebook

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: