03
Mar
10

Manakish Zaatar

Con la ricetta di oggi inizio una serie di post quasi monotematici, nel senso che per un po’ di settimane gli ingredienti principali saranno i prodotti di due aziende con cui sono entrato in contatto poco tempo fa… in particolare, ho ordinato delle erbe fresche da GliAromi e mi è stato spedito in promozione da Olio Gargiulo un pacco contentente degli olii sorrentini (tradizionali e aromatizzati agli agrumi). Per l’appunto mi sono stati recapitati lo stesso giorno e quindi mi sono messo d’impegno a pensare in quanti modi avrei potuto utilizzare questi prodotti sposandoli insieme in un menu completo dall’antipasto al dolce (sì sì anche il dolce, vedrete).
Prima però sono doverose le presentazioni…
GliAromi è un’azienda del ragusano che ho contattato qualche settimana fa, incuriosito dalle numerose specie di piante aromatiche in catalogo, soprattutto perché stavo cercando una qualche ispirazione sulle prossime piante da coltivare sul mio balcone accanto alle solite salvia, rosmarino, basilico, ecc (a proposito Urza: ora che smette il freddo pianto anche i tuoi semi di basilico lime). Mi sono quindi fatto spedire alcune profumatissime bustine di aromi tradizionali come la maggiorana, l’origano selvatico o la menta ma anche alcune cose per me molto curiose come il timo limone ed il finocchietto selvatico (e altre ancora). Dopo un solo giorno di viaggio mi è arrivata questa scatola che odorava ancora di erba appena tagliata… a dirla tutta temevo che nel viaggio nel furgone dalla Sicilia alla Toscana si perdesse molto dell’aroma e della freschezza di queste piantine ed invece si è conservato tutto perfettamente. Mi sono fatto prendere la mano e ho preso più erbe di quante sono in grado di sfruttarne prima che deperiscano quindi qualcuna la farò essiccare, ma devo dire che sono molto soddisfatto della scelta! Consigliato, ma fate un gruppo di acquisto perché la quantità minima è eccessiva per l’uso comune di una coppia.
Olio Gargiulo invece è un’azienda delle colline sorrentine che si è fatta avanti per propormi di valutare i suoi prodotti, inviandomi un pacco con due olii tradizionali (di cui uno DOP) e due aromatizzati (ovviamente al limone e all’arancia di Sorrento). Da parte loro è stato senz’altro un bell’azzardo venire a proporre un olio ad un fiorentino, soprattutto a me che sono un talebano dell’olio toscano. Riconosco però che il DOP è effettivamente di qualità (e si è sposato perfettamente con le erbe di cui sopra) ma la sorpresa più grande è stata per l’olio all’arancia (in cui il frutto è lavorato, con le bucce, insieme alle olive) che ha un sapore e un aroma davvero incredibili e che non mancherò di usare, soprattutto nei piatti dolci (ma anche in un’insalatina di finocchi ce lo vedo bene).
L’introduzione oggi è un po’ più lunga perché questo è il primo di una serie di post e quindi mi preme fare le giuste presentazioni… Prima di passare alla preparazione di oggi, non posso però mancare di citare anche Graziana di Erbe in Cucina, che è stata inconsapevole e grandissima fonte di ispirazione in molte delle ricette di questa serie, perché è giusto fermarsi ad imparare da chi ne sa più e io obiettivamente sulle erbe non stavo messo benissimo (ma sui peperoncini sì e che invidia la gallery dei suoi)…

Proprio da Graziana ho scoperto l’esistenza di questa focaccia popolarissima oggi in Libano anche se introdotta solo da pochi anni nella loro cucina. I Manakish (مناقيش, è il plurale di Manoosheh منقوشه) hanno riscontrato subito grande successo perché nascono da prodotti poveri e sono di facile realizzazione (vabbè anche perché ne ha onorato la preparazione perfino la grande celebrità culinaria libanese Chef Ramzi). Lo Zaatar, la miscela di erbe e semi, è poi estremamente versatile: in origine si tratta di un mix di timo, sommacco e semi di sesamo ma in sostanza poi ognuno aggiunge o sostituisce ingredienti alla bisogna, a volte perfino formaggio o carne di agnello (ne esiste anche una versione dolce con cioccolato e banane). E io, guarda caso, ho da usare un bel po’ di erbe…
Per una teglia tonda da 26cm:

  • 250gr di farina di semola di grano duro
  • 1 cucchiaino di sale
  • 15gr di lievito di birra (che non ci vorrebbe nella ricetta originale ma io mi sono fidato di Graziana)
  • 100ml di acqua tiepida
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di maggiorana
  • 1 cucchiaio di origano selvatico
  • 2 cucchiaini di timo
  • 2 cucchiaini di santoreggia
  • 2 cucchiaini di semi di sesamo (nero, nel mio caso)
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio
  • 3 peperoncini

Mescolate la farina con il sale e aggiungete un cucchiaio d’olio. Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida e poi unite alla farina, prima solo metà poi aggiungetene via via un po’ per volta fino ad ottenere un impasto elastico ma non colloso. Continuate a lavorare il panetto per una decina di minuti poi mettetelo da parte a lievitare per un’ora coperto con un panno (possibilmente in una stanza calda e priva di umidità).
Mentre l’impasto riposa, si prepara il Zaatar… in un bicchiere o una ciotolina versate le erbe, i peperoncini tagliuzzati finemente ed i semi e coprite con l’olio rimasto.
(Ovviamente tutto questo serve solo se usate il lievito, altrimenti preparate prima gli aromi e dopo un’oretta fate la focaccia da infornare.)
Una volta che l’impasto è lievitato, stendetelo sulla teglia leggermente unta d’olio (anche se usate la carta forno versateci un filo d’olio prima di mettere l’impasto) e copritelo con il Zaatar che avete preparato prima.
Infornate a 180°C per una quindicina di minuti e servite. Molto indicati con questa preparazione sono i formaggi, le melanzane, le polpettine di ceci, le salse allo yogurt…


11 Responses to “Manakish Zaatar”


  1. 03/03/2010 alle 10:38 am

    io amo follemente le erbe aromatiche.. e anche l’olio toscano!!interessante questa ricetta, solo una domanda: la base viene stesa molto sottile o più alta tipo focaccia?

  2. 03/03/2010 alle 11:15 am

    Anche sull’altezza le ricette variano a seconda delle zone… in genere comunque si tende a fare una base alta 1cm.
    E anche sulla forma, non è detto che tu debba per forza seguire l’indicazione della teglia tonda: puoi provare a fare dei rettangoli, tante foccacine più piccole, delle ciabattine…😉

  3. 3 Ely
    03/03/2010 alle 2:49 pm

    che meraviglia…. e che bello tutte quelle piantine anche qui faccio fatica a trovare gli aromi, ora dò uno sguardo al sito degli oli e delle piantine, grazie! ciao Ely

  4. 04/03/2010 alle 2:56 pm

    Ciao🙂
    Mi chiamo Elena e sul mio blog di cucina sto raccogliendo delle ricette, insieme agli altri food blogger, per creare una raccolta.🙂
    Si tratta di ricette “a colori” che verrebbero poi raccolte (citando ovviamente le fonti) in un ebook scaricabile da tutti gli amanti della buona cucina.
    Se ti può interessare, questo è il link dove ci sono tutti i dettagli.🙂
    http://www.gnamgnam.it/index.php/2010/03/02/la-cucina-a-colori-la-prima-raccolta-di-ricette.htm

    Spero di averti incuriosita.😛
    Ti auguro buona giornata,

    elena.

  5. 05/03/2010 alle 7:25 pm

    ciao fabien, un po’ che non passavo, lieto di vederti intento con le erbe aromatiche.🙂
    proverò quest’ottima …focaccina?, io di solito mi limito alle focacce bianche con rosmarino…

    se poi t’interessa, ho dei semi di coriandolo al limone molto interessanti, ideali per la cucina mediorientale (che, per inciso, è forse la mia preferita).

  6. 05/03/2010 alle 7:33 pm

    @Urza… certo che mi interessa, manda manda😉
    Grazie😀

  7. 05/03/2010 alle 9:05 pm

    Fabien grazie a te per la ricetta dello spezzatino… non lascio quasi mai un commento ma ti seguo praticamente da sempre! a presto e buon weekend!

  8. 06/03/2010 alle 10:31 am

    WOW!! Ottima!!! Deliziosa!! Anche io sono amante delle erbe in cucina, danno sempre un sapore in più… se volete, la Pro Loco di Pasian di Prato (il mio paese, vicino ad Udine) ha una vasta rassegna di piatti tipici alle erbe… http://www.prolocopasiandiprato.org/prati_stabili/piatti_tipici.html

  9. 11/03/2010 alle 1:17 pm

    Coi dolci posso già dirti che vai sul sicuro: io ne ho realizzati due (un crumble ed una tarte) ed erano entrambi eccezionali (usando l’olio alle arance)😉
    Sui salati, sempre con quello alle arance, mi ero buttata su una semplice insalata di finocchi, arance e mirtilli: è davvero delizioso.
    Gli altri olii devo ancora aprirli, quindi passerò da te per vedere intanto l’uso che ne farai tu😉

  10. 11/03/2010 alle 6:56 pm

    @Sarah… anch’io ho aperto per primo quello alle arance😉 Ci ho tirato fuori due dolci meravigliosi (uno dei quali sarà quello con cui probabilmente chiuderò questa serie di ricette)!
    Gli olii tradizionali li sto usando normalmente per le cose di tutti i giorni per cui mi rimane poi solo quello al limone… vedremo se ci verrà fuori qualcosa per il blog😀

  11. 10/04/2010 alle 10:45 pm

    Un’amica mi ha portato da poco proprio un bel barattolo di zaatar! Mi sa proprio che proverò la tua focaccia!!


Comments are currently closed.

Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

  • Circa 4 anni senza pubblicare alcuna ricetta, eppure ancora oggi 120 persone sono venute a visitare il blog...... fb.me/3T3TJPa6i 1 year ago
  • OK, sono stato definitivamente assimilato: dolce inglese per Capodanno! Baileys Trifle. Potrei pure farci un post... ;) 1 year ago
  • Can you eat amazing food in Belfast? Yes, you can! 3 places out... (White Chocolate And Honeyco... @ Made In Belfast) foodspotting.com/reviews/5107079 2 years ago

La Cuisine de Fabien su Facebook

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: