Posts Tagged ‘carota

17
Ott
11

Veggie Shepherd’s Pie

Veggie Shepherd's Pie

Oh che emozione: il mio primo post sul mio nuovo MacBook Air e il mio primo post da Londra!
😀
In realtà questa ricetta era stata promessa ai fan su Facebook già da molti mesi, credo fosse Maggio, quando postai un foto-indovinello durante la preparazione… Mi dispiace soddisfare la curiosità con così tanto ritardo ma a quanto pare invece adesso la ricetta mi casca proprio a fagiuolo, hehe. Oltretutto stanotte qui erano tipo 2-3°C, quindi mi ci vuole ‘sto bel piatto caldo!

Continua a leggere ‘Veggie Shepherd’s Pie’

07
Giu
10

Muffins di carote con crema al mascarpone

Muffins di carote con crema al mascarpone

Il carrot-cake è uno dei dolci classici della cucina britannica. La sua origine sarebbe risalente addirittura all’età medievale quando, avendo gli altri prodotti dolcificanti dei costi molto alti, si scoprì che si poteva sfruttare l’alta percentuale di zucchero contenuta nella carota per ottenere prodotti dolci di pregevole fattura. La sua popolarità crebbe tantissimo in tempi recenti, in seguito alla Seconda Guerra Mondiale, quando nel Regno Unito fu deciso il razionamento del cibo a seguito dei gravi danni che la guerra, i sottomarini tedeschi in particolare, aveva causato alle importazioni (che avevano raggiunto anche il 90% nel caso dei cereali). Una volta ristabilite le rotte commerciali, il carrot-cake arrivò anche negli USA e fu proprio lì, nei primi anni ’60, che conobbe la sua definitiva consacrazione diventando il popolare dolce che conosciamo oggi.

Continua a leggere ‘Muffins di carote con crema al mascarpone’

01
Feb
10

Boeuf Bourguignon (in forno)

Che non vi venga in mente di credere che io pubblichi questa ricetta sulla scia del successo del film Julie&Julia (anzi, non è un caso se arriva dopo diversi mesi)! Credo di essere l’unico food-blogger (almeno tra quelli che leggo) a ritenere la storia assolutamente pessima (e purtroppo anche l’ennesima figuraccia dei doppiatori italiani) e a dare pienamente ragione alla Child (lei sì grandiosa) quando, indignata, ha fatto sapere alla Powell di non apprezzare per niente ciò che aveva fatto. La Powell ha cavalcato l’onda di un successo altrui né più né meno di quanto fatto nella musica da tristissime cover band mentre il film ha approfittato dell’onda modaiola del blogging per tirare su qualche dollaro, ed entrambi con una superficialità direi quasi rivoltante. Per cui no: il mio boeuf bourguignon non nasce dalla visione del film.
Detto questo, la ricetta del bourguignon è qualcosa che tutti (e dico tutti) gli amanti della carne e del vino dovrebbero provare almeno una volta nella vita perché si tratta di un piatto sensazionale, bello, buono e godereccio che ti seduce fin dalla cottura con gli aromi che emana. E non è neppure un piatto difficile da preparare, o almeno non lo è in questa versione effettivamente un po’ semplificata, anche se purtroppo necessita di un bel po’ di tempo. In più, è uno di quei piatti che può benissimo essere riproposto riscaldato il giorno dopo perché non perde affatto la sua bontà (anzi, forse ne guadagna pure).
Una piccola nota la volevo aggiungere sul vino. Quello che ho usato io è un vino salentino, uno Squinzano Rosso DOC a base di Negroamaro e Malvasia Nera che ho scelto con l’idea di enfatizzare il dolce del cioccolato: per quanto mi riguarda è stata una scelta ottima, ma non sono un fine intenditore ed è stato solo un mio esperimento (sono aperto ai commenti di chi invece di vini ne capisce, dateci dentro)… Il vero bourguignon richiederebbe un altro tipo di vino, dal Chianti al Merlot o al Beaujolais, per cui scegliete pure secondo il vostro giudizio ed il vostro gusto.
Vi indico le dosi ideali a partire da 1Kg di carne anche se io ho provato con una quantità minore dato che dovevo mangiarmi questa bontà da solo ed è purtroppo finito per me il tempo delle abbuffate.

  • 1kg di carne di manzo tagliata tipo spezzatino
  • 160gr di lardo
  • 10-12 funghi champignon
  • 2 carote medie
  • 1 cipolla rossa
  • 2 pomodori pelati + 3-4 cucchiai di passato (oppure semplicemente un cucchiaio di concentrato ma a me non piace usarlo)
  • 2 cubetti di cioccolato fondente (ca 30gr)
  • 1 bottiglia di vino rosso
  • burro
  • farina
  • alloro e timo a piacere
  • olio, sale e pepe nero in grani

Se avete una casseruola adatta sia ai fornelli che alla cottura in forno tanto meglio perché potete usare quella per tutta la ricetta. In caso contrario, prendete un tegame ed una pirofila piuttosto capienti.
Iniziate tagliando il lardo a fettine, le carote a rondelle e la cipolla prima a metà e poi a fettine. Fate rosolare il tutto in un tegame con un cucchiaio di olio extravergine e una noce di burro (sui 15-20gr). Appena comincia ad indorare la cipolla, togliete lardo e verdure con una schiumarola mettendoli da parte e mettete la carne a rosolare nello stesso tegame. Fatela cuocere bene da entrambi i lati.
In una ciotolina mescolate 2-3 cucchiai di farina con un pizzico di sale e di pepe e versatela sulla carne non appena l’avrete cotta su entrambi i lati, mescolando bene per cercare di avvilupparla tutta.
Se avete la casseruola unica che ho citato all’inizio, riprendete ora lardo e verdure e aggiungeteli alla carne… Altrimenti ponete tutti gli ingredienti ed il liquido di cottura nella pirofila che andrà in forno.
Aggiungete il pomodoro, le erbe, il vino (quanto basta per coprire il tutto, in base a quanto ne ho usato io direi che 700-800cl dovrebbero andare) ed il cioccolato. Infornate a 150°C per 3 ore (!).
Ah, una cosa che mi sono scordato: la carne in forno andrebbe coperta… se la casseruola o la pirofila hanno un coperchio nessun problema, in caso contrario rivestite il tutto con dell’alluminio e andrà benissimo lo stesso.
Non mi sono scordato invece dei funghi: quelli si preparano a parte a mezz’ora dal termine della cottura in forno. 🙂
Tagliate gli champignon a fettine e fateli saltare in padella con una noce di burro (piccola stavolta) e un cucchiaio d’olio per 10 minuti. Aggiungeteli nella pirofila con la carne, verificate se vi sia bisogno di regolare di sale e quindi portate a termine la cottura nel forno.
I classici accompagnamenti del boeuf bourguignon sono le patate lessate o anche un piatto di pasta (ma quest’ultima opzione lasciatela ai francesi… e se ve lo dico io…).

Per tornare al discorso iniziale… tanta pubblicità anche in Italia per quel film, ma nessuno si è mai accorto che qui avevamo già Il Club delle Cuoche di Luisanna Messeri (ispirata nientemeno che dall’Artusi)? Il Mugello non sarà Hollywood, ma non so se farei a cambio…

21
Set
09

Insalata di farro

Insalata di farro

È già arrivata la prima pioggia autunnale e le temperature si sono abbassate di parecchio, ma per fortuna il cielo ci ha regalato ancora un week-end abbastanza caldo e soleggiato (almeno a Firenze… poi vabbè, in serata lampi e tuoni ma di giorno io ho pure rimesso i sandali). Per questo non mi è sembrato affatto strano ritrovarmi a desiderare di preparare un’insalata fredda di farro a fine Settembre. Oltretutto non avevo neanche moltissimo tempo da dedicare alla cucina quindi un piatto in cui tutto, a parte il farro, si aggiunge a crudo era proprio l’ideale.
Ah, la foto vi sembrerà probabilmente un po’ sproporzionata con quella foglia di basilico così grande rispetto al coccio… E invece le foglie del mio basilico sono proprio grandi così! È una varietà diversa dal classico vaso di basilico da pesto che si trova nei mercati e viene da un campo vicino al mare nel Grossetano, si chiama proprio “basilico a grandi foglie” ed ha un aroma abbastanza marcato di liquirizia e limone.
La preparazione dell’insalata di farro è davvero molto semplice:

  • 2 pugni di farro a persona
  • ceci già lessati
  • verdure fresche (quelle che più vi piacciono da mangiarsi crude, nel mio caso: carote, peperoni gialli e a volte un po’ di rucola)
  • un formaggio tipo emmenthal oppure scamorza, provolone, ecc.
  • basilico fresco
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Mettete a lessare il farro in acqua salata per circa 35 minuti (se ce l’avete confezionato però controllate i tempi sulla scatola). Scolatelo e lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente.
Grattugiate le carote, tagliate a julienne molto fine il peperone (e/o le altre verdure che avete scelto) e a cubetti il formaggio. Spezzettate il basilico con le dita.
Quando si sarà definitivamente raffreddato il farro, unite gli altri ingredienti, irrorate con un ottimo olio, regolate di sale e pepe e servite.

Le varianti ovviamente sono infinite e cambiano a seconda della vostra creatività. Se anche lì da voi è tornato un po’ il sole, approfittatene!

20
Lug
09

Torta dell’ortolano

Torta dell'ortolano

Si potrebbe anche definire “la ricetta dello svogliato” vista la difficoltà della ricetta: perfino la sfoglia questa volta non è fatta in casa ma comprata!
In realtà questa è una ricetta decisamente versatile e adatta a qualsiasi occasione ed a qualsiasi stagione: è buona calda appena sfornata come piatto invernale ed è eccellente fredda in estate, anche come piatto da portarsi in giro tra picnic nei boschi o in spiaggia. In più può anche essere un’ottima soluzione se vi trovate alla fine della settimana con un po’ di avanzi misti.
Ovviamente il risultato migliore lo ottenete usando verdure fresche di stagione, magari bio, ed ingredienti freschissimi (oltre che preparandovi da voi la sfoglia) ma in ogni caso questa è davvero una ricetta alla portata di tutti, di tutte le tasche e di tutte le dispense. E con tutti ‘sti colori fa pure un gran figurone al centro della tavola! 🙂

  • 400gr di pasta sfoglia
  • 1kg di verdure miste di stagione (qui: zucchine, peperoni, patate, carote, piselli)
  • 50gr di parmigiano grattugiato
  • 50gr di formaggio (a piacere: emmental, scamorza, provolone… quello che preferite)
  • 2 uova
  • 1 bicchiere di latte freddo
  • spezie (anche in questo caso a piacere… qui: zenzero e peperoncino)
  • sale
  • olio extravergine

Ovviamente pulite bene e lavate le verdure, quindi stufatele in un grosso tegame (tipo un wok) con poco olio e senza aggiungere acqua finché non saranno cotte e croccanti. Regolate di sale ed insaporite con le spezie durante la cottura e al termine lasciate intiepidire appena un po’.
Sbattete in una ciotola le uova con il sale ed il parmigiano poi aggiungete il latte. Versate il liquido sulle verdure e mescolate delicatamente. Da ultimo, aggiungete il formaggio.
Accendete il forno a 170°C. Sistemate la sfoglia su una teglia ben unta (oppure rivestita di carta da forno) e versateci il composto di uova e verdure. Cuocete in forno per 35-40 minuti e quindi decidete voi se servire la torta calda o se aspettare che si raffreddi (è ottima anche il giorno dopo).

15
Giu
09

Look and Taste: Crema di peperoni rossi con quenelle di caprino al timo

Crema di peperoni rossi

La ricetta di oggi nasce tra le pagine e i video di Look And Taste (già iFoods.tv), l’ultima creatura di un gruppo di pazzi irlandesi già creatori di Food&Fizz, Twecipe e di un’ottimo software per iPhone. E siccome questa crema di peperoni arriva dritta dal loro ultimo video, mi pare carino iniziare con una breve parentesi in inglese ad uso dei visitatori di L&T (già che gli ho linkato questa ricetta tra i commenti…). Ci rivediamo qualche rigo più in basso per la preparazione del piatto… A fra poco.

——————————————————————————————
Heya everyone! I’m very pleased to introduce Look and Taste (formerly iFoods.tv), a great food site created by the same cool folks behind Food&Fizz and Twecipe. I’ve discovered them on Twitter the same day they started with their first show and now I connect myself there every week to watch their new videos. During the show, they give useful tips and they let common people have their 5 seconds of celebrity with some funny interviews/polls (last one about Gordon Ramsey was hilarious in my humble opinion). Last but not least, chef Niall Harbison shows everyone how to cook tasty recipes in minutes and he explains so enthusiastically well that they really seem easy to do. Yeah I know Niall has cooked for celebrities such Bill Gates and U2 so his recipes might be obviously great, but you surely know how Italians (and in my specific case, an half Italian half French) can have great expectations on cooking since we have some of the greatest foods in the world so I’m not that easy to be impressed… A proof of his goodness is the recipe I’ve prepared for my blog (you can see it in the above picture): this red peppers soup with crème fraîche is absolutely great! Watch it in the last video show (episode 8) on lookandtaste.com!
Of course you can suspect I’m saying these words because of the massive competition on their site… and you’re right: I’ve created this post only to submit it to the contest! But I’m 100% sincere when I say that I love Look and Taste and that they really deserve your visit, so forget the competition and have a look by yourself!
——————————————————————————————

E dopo la breve marchetta a Look and Taste, torno a voi per parlarvi della ricetta di oggi… Come magari avrete letto nel testo in inglese, ho scritto questo post soprattutto per partecipare all’ultimo concorso su Look and Taste che mette in palio uno splendido set di Le Creuset del valore di oltre 500 euro. L’idea degli organizzatori era semplicemente quella di spammare un po’ L&T attraverso i propri contatti di Twitter, Facebook e simili ma io mi sono un po’ allargato ed ho approfittato del blog per dare il mio contributo. Sono stato anche facilitato dal fatto che l’ultima ricetta che lo chef Niall ha presentato si prestava benissimo ad essere riproposta tra queste pagine, seppure con qualche piccola modifica (per esempio un saporito caprino al posto di una cucchiaiata di panna da cucina oppure il nostro ottimo olio toscano al posto di quell’olio palliduccio che usano all’estero), e quindi ho colto l’occasione al volo e mi sono proposto per il concorso in questo modo!
Magari non vincerò, anche perché non credo che si aspettino davvero di poter spedire tutta quella roba fuori dai loro confini nazionali per evidenti grosse spese postali, ma almeno mi sono divertito a provarci ed in più ho potuto provare una nuova e succulenta ricetta da proporre a tutti voi (le dosi sono per 2).

  • 1 grosso peperone rosso
  • 1 carota
  • 2 patatine novelle
  • 1/2 cipolla di Tropea (o di Certaldo, basta che sia una buona cipolla rossa)
  • 100gr di formaggio caprino fresco
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro
  • timo
  • prezzemolo
  • basilico
  • olio extravergine di oliva
  • paprika, sale e pepe

Tagliate finemente la cipolla e mettetela a rosolare in una casseruola con un fondo di olio extravergine e le foglie di due rametti di timo. Dopo un paio di minuti aggiungete il peperone tagliato a tocchetti, la carota a rondelle fini e le patatine novelle (con la loro buccia, quindi ben lavate) a rondelle di circa mezzo centimetro. Fate cuocere, coperto, per 5-6 minuti quindi scoperchiate ed aggiungete un bicchiere d’acqua, la passata di pomodoro, il sale, il pepe e la paprika (le dosi sono a discrezione vostra; anche di acqua potrebbe esserne necessaria un po’ di più per coprire il resto degli ingredienti ma cercate di non abbondare troppo). Cuocete per altri 10 minuti a fuoco medio-basso, mescolando di tanto in tanto, in modo da far ammorbidire le verdure e da ridurre il liquido di circa 1/4 del volume.
A questo punto aggiungete una manciata di prezzemolo e qualche foglia di basilico (mi pare di averne messe 4-5 piuttosto grandi) e frullate bene il tutto con il mixer ad immersione. Versate la crema nei piatti aggiungendo un po’ di prezzemolo tritato per dare più colore.
In una ciotolina a parte lavorate il formaggio caprino con due cucchiaini colmi di foglie di timo quindi, aiutandovi con due cucchiai, preparate le quenelle da adagiare delicatamente sulla crema di peperoni.
Due o tre gocce di olio extravergine completeranno il piatto.

E ora incrociamo tutti le dita perché ‘sto concorso lo vorrei proprio vincere, hehe.
E magari segnatevi anche Look And Taste tra i preferiti… 🙂

31
Mar
08

Un plum-cake alternativo!

Plum-cake alle verdure e formaggi

Più di un anno fa ho pubblicato la ricetta di un altro plum-cake e fino ad oggi risulta la ricetta più cliccata del blog (il che ogni tanto genera qualche sghignazzata in casa visto che la ricetta era della mia dolce metà e non mia, uffa) grazie anche al fatto di essere uno dei primi risultati su Google quando si ricerca il termine plum cake… e a quanto pare lo si ricerca assai spesso!
Ora sono proprio curioso di vedere cosa succederà con questa nuova ricetta, peraltro un po’ particolare visto che si tratta di un secondo e non di un dolce… Certo, potreste anche provare a vedere se si può abbinare ad una buona tavoletta di cioccolato fondente (mi era venuta l’idea di provare mentre lo preparavo ma poi ho pensato che c’erano i formaggi) ma per il momento continuerò a parlarvene solo come un semplice secondo.
E vediamo se riesco a pareggiare i conti con l’altro plum-cake…

  • 3 uova
  • 150gr di farina
  • 125gr di latte
  • 2 zucchine di media grandezza
  • 1 carota media
  • 150gr di pecorino sardo stagionato
  • 1 mozzarella (magari senza diossina… di questi tempi…)
  • mezza bustina (7-8gr) di lievito in polvere per torte salate
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • prezzemolo, sale e pepe q.b.

Affettate a rondelle le zucchine (circa 3mm di spessore) e tagliate le carote a julienne, quindi rosolate entrambe le verdure in una padella con un cucchiaio di olio d’oliva per circa 15 minuti. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare su della carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
Accendete il forno a 180°C… In una ciotola sbattete le uova con una presa di sale e una macinata di pepe (secondo me meglio con il pepe bianco ma vedete voi), quindi mescolate la farina setacciata con il lievito in polvere e unite anche questi alle uova impastando bene il tutto con la frusta. Aggiungete poi, nell’ordine, gli altri 3 cucchiai d’olio, il latte (che avrete scaldato un po’ sul fuoco), il pecorino tagliato a dadini, la mozzarella tagliata a pezzettoni e infine le verdure. Mescolate bene tutti gli ingredienti affinché si distribuiscano in modo omogeneo nell’impasto e ultimate con il prezzemolo tritato finemente.
È importante che facciate tutto questo abbastanza rapidamente perché il lievito in polvere inizia ad agire appena aggiungete i liquidi (quindi l’olio e il latte) per cui è bene affrettarsi ad infornare.
Versate quindi il composto nello stampo da plum-cake (io uso quello in silicone ma in alternativa va bene anche lo stampo tradizionale, purché ben imburrato) e mettete in forno per circa 40-45 minuti. Al termine, toglietelo dal forno e lasciatelo leggermente intiepidire prima di toglierlo dallo stampo. Quindi servitelo a fette.

Servitelo con l’accompagnamento che preferite… Noi l’abbiamo provato con la mostarda di peperoni di Dario Cecchini (ovviamente comprata da ‘ino) tanto per provare il contrasto con il sapore dolciastro. La bontà di questa mostarda richiederebbe un post a sé, ma credo che magari lo farò sul blog di ‘ino e non qui… vedremo. Intanto gustatevi questo eccezionale plum-cake!

02
Mag
07

Trippa alla fiorentina (Buon compleanno blog!)

Trippa alla fiorentina

2 Maggio 2006 – 2 Maggio 2007: è già trascorso un intero anno da quando ho iniziato a scrivere questo blog di cucina! Quasi 100 ricette e un numero di affezionati in continua crescita. Tanto per darvi un’idea, sono passato dai 50-60 amici che passavano a trovarmi ogni mese a circa 15.000 accessi a settimana (in particolare il grosso boom di contatti è avvenuto negli ultimi due mesi). Per me si tratta di un successo enorme e del tutto inatteso e non posso quindi fare altro che ringraziare tutti voi che periodicamente venite qui a leggere le mie pubblicazioni e che con i vostri commenti mi date sempre nuove motivazioni per migliorare e andare avanti… Grazie, grazie di cuore a tutti.
Certo, sarebbe stato più opportuno festeggiare con una torta e le candeline, ma volevo approfittare del clima festoso per omaggiare la mia città che così poco viene citata nelle mie ricette… E quindi ecco a voi la famosissima trippa alla fiorentina!
La trippa è una frattaglia costituita dalla parte di apparato digerente compresa fra esofago e stomaco; quella più comunemente usata è quella del bovino. Dopo la macellazione viene sottoposta a pulizia e bollitura. Per tutti i dettagli e le informazioni nutrizionali vi rimando a questa ottima scheda di GialloZafferano. A Firenze si trovano un po’ ovunque i banchi di trippai e lampredottari e c’è perfino chi stila classifiche o li indicizza tramite GoogleMaps… Siccome però noi fiorentini siamo molto orgogliosi, non starò ad indicare le mie preferenze per non scontentare nessuno e perché obiettivamente sono rare le volte che ho trovato un banco che non mi piacesse (il metro di giudizio infatti di solito va da “mmmm buooooono” a “mmmmmmmmm buonissimoooooo”… la differenza vera semmai è nel condimento più o meno piccante o nella sapidità del brodo di cottura e comunque ogni buon fiorentino sa chi è il vero re indiscusso di questa preparazione).
Per darvi un’altra idea di quanto noi fiorentini siamo legati a questo alimento considerate che il celebre critico gastronomico Leonardo Romanelli ha intitolato il suo blog proprio alle interiora…
Ma basta con le chiacchiere e andiamo a vedere come si prepara:

  • 1 kg di trippa (uso il kg come indicazione generale, dovrebbe andar bene per 4/6 persone a seconda della quantità di portate in tavola)
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • 1/2 litro di brodo
  • 30gr di burro
  • 1 carota
  • 1 cipolla rossa di media grandezza
  • 1 gambo di sedano
  • 1/2 bicchiere d’olio
  • 300gr di pomodori pelati
  • 100gr di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale e pepe

Come prima cosa affettate la trippa a striscie sottili, lavatela per bene (molto ma molto bene) e scolatela. Prendete un tegame e fateci soffriggere carota, cipolla e sedano (sminuzzati) in olio e burro (e qui se volete aggiungete anche uno spicchio d’aglio schiacciato). Aggiungete la trippa, fatela asciugare (togliete l’aglio adesso se l’avevate aggiunto) e sfumatela poi con il vino bianco fino alla sua evaporazione.
Aggiungete i pomodori pelati, il sale e il pepe (la quantità dipende dal vostro gusto) e cuocete la trippa bagnandola ogni tanto con del brodo caldo e girandola spesso.
Al termine della cottura versate sulla trippa il Parmigiano e lasciate riposare lontano dal fuoco per 4/5 minuti.
Servite subito con del buon pane toscano abbrustolito o con i classici panini (rosetta, semelle…) ed eventualmente spolverate con altro Parmigiano…

Ed ora via verso la ricetta n°100… ci siamo quasi…

30
Gen
07

Gnocchi di patate con crema di zucca, carote e zenzero

Gnocchi di patate con crema di zucca

Qualcosa mi dice che dovrei cambiare il colore della testata di questo blog in un bel giallo visto che a quanto pare riesco a cucinare solamente piatti con questo colore dominante… Patate, risotti, soufflé, frittatine… tutto di un bel giallo brillante! E anche stavolta non mi sono smentito!
L’ispirazione per la ricetta di oggi nasce dalla lettura dell’ultimo numero di La Cucina Italiana (non riesco a smettere di leggerlo, nonostante non approvi il loro eccessivo entusiasmo per piatti come il fois gras o l’utilizzo del tonno nei piatti vegetariani) in cui veniva presentato un piatto del genere con una crema di carote. Ho quindi modificato la ricetta e ho aggiunto alcuni ingredienti che sapevo di poter sposare a meraviglia con la carota e quelle spezie che in casa nostra non mancano mai…
La ricetta per preparare gli gnocchi di patate si trova un po’ ovunque in rete (per esempio qui, qui e qui) ma io me li sono comprati già pronti… pasta fresca si intende, non quelle cose industriali da spot in TV… Per il resto, ricordatevi che le dosi della crema sono per 2-3 portate…

  • 2 grosse carote
  • 200g di zucca gialla
  • 100ml di acqua calda
  • 200ml di latte
  • mezza cipolla rossa
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • olio, sale e pepe bianco

Affettate sottilmente la zucca e tagliate a rondelle le carote. Insaporitele in una padella in cui avrete fatto soffriggere la cipolla tritata con 2-3 cucchiai di olio e aggiungete un pizzico di sale; quindi unite il latte e l’acqua calda e lasciate andare a fuoco medio finché si saranno ammorbidite.
Trasferite il tutto in un recipiente alto e stretto (tipo un dosatore di vetro), unite le spezie, il pepe bianco macinato e un altro pizzico di sale (necessario perché tutti gli ingredienti utilizzati finora tendono parecchio al dolce) e frullate tutto quanto con il mixer a immersione in modo da ridurre le verdure ad una crema né densa né liquida… giusta!
🙂
Lessate gli gnocchetti in acqua bollente salata (ci stanno benissimo sia quelli semplici che quelli verdi agli spinaci… a voi la scelta) scolandoli quando i primi cominciano a venire a galla. Conditeli con la crema e servite… pure con quel peperoncino che vedete in foto, se avete una bocca in ceramica smaltata (infatti è solo nel mio piatto)…

12
Gen
07

Mezze penne alle melanzane

Mezze penne alle melanzane

Contrariamente ai porri della ricetta precedente, nella nostra cucina un ingrediente che non manca davvero mai è sicuramente la melanzana (e infatti è spesso presente nel blog)! Non so perché ma è un ortaggio che mi ispira creatività, nonostante non sia poi un grandissimo fan (preferisco assai di più peperoni, zucchine e patate) e anche in piatti semplici come quello di oggi riesco a tirare fuori quell’ideuzza in più che stuzzica la voglia di mangiarla.
È vero però che spesso le mie ricette con le melanzane non sono riproducibili esattamente così come le propongo perché, non sentendo l’amaro al palato o comunque non disprezzandolo, tendo a saltare a pie’ pari la procedura di salarle prima di utilizzarle… In questo caso poi questo sarebbe comunque difficoltoso perché la melanzana è stata prima spolpata e poi ne è stato ricavato un cilindro che mettere sotto sale era davvero complicato… Quindi, se vi piace la melanzana così com’è allora ok, se no mi sa che potete passare oltre e aspettare la prossima ricetta.

  • 1 melanzana globosa (per le solite due persone)
  • 1 carota
  • 1/2 cipolla (non mi chiedete di metterci l’aglio perché non lo uso)
  • passata rustica di pomodoro
  • olio, sale, peperoncino e pangrattato

Prendete la melanzana, rimuovete le estremità e tagliatela in due. Incidete la polpa lungo la buccia con un coltello affilato e scavatela con l’aiuto di un cucchiaio facendo molta attenzione a non rompere i bordi perché il cilindretto vi servirà da contenitore per la pasta.
Spennellate di olio l’interno dei due cilindri e cospargete di pangrattato, quindi infornateli a 150°C nel mentre che portate a termine le altre operazioni. Tagliuzzate a cubetti la polpa, grattugiate la carota e affettate la cipolla quindi mettete il tutto in un tegame con poco olio (se preferite fate pure soffriggere la cipolla, ma poi non venite a dirmi che il sugo è troppo pesante). Salate e lasciate cuocere per una decina di minuti quindi aggiungete due peperoncini secchi sminuzzati e la passata di pomodoro. Mantenete sul fuoco per far asciugare il sugo quindi saltateci la pasta (che nel frattempo avete bollito, giusto?) e servitela nei cilindretti sfornati.

Se vi dovesse avanzare un po’ di polpa potete preparare una salsina per crostini (quella gialla che vedete in primo piano insieme al pomodoro) frullando la polpa (cotta al cartoccio in forno per 15 minuti) con poco olio, curcuma, coriandolo, cumino, sale e paprika dolce… al limite anche un ciuffino di prezzemolo e una grattata di grana… Non si butta via nulla!
🙂




Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare