Posts Tagged ‘carpaccio

12
Giu
08

Vassoio di luganega

E riecco a voi la luganega!
Un vassoino semplice e velocissimo da preparare, ideale da smangiucchiare davanti alla TV durante gli Europei di calcio (o durante il Grande Fratello, Enigma, Otto e Mezzo, Dr.House… quello che vi pare; magari non durante UnoMattina perché mi pare un po’ pesante come colazione…).
Finora però l’Italia non ha prodotto un bello spettacolo quindi consoliamoci con il cibo… e con le altre squadre.
Passo direttamente a descrivervi le preparazioni, senza stare ad elencare gli ingredienti perché comunque sono andato molto “a braccio” e tutto poi è passibile di qualsiasi modifica vogliate apportare.

1. Crostino con stracchino.
In una ciotola amalgamate la salsiccia privata del budello con dello stracchino fresco in parti più o meno identiche. Spalmate su del pane casereccio e passate sotto al grill del forno per 3-4 minuti o fino alla cottura desiderata.

2. Tartare.
Private la salsiccia del budello e schiacciatela in una ciotola con la forchetta in modo da sbriciolarla. Unite qualche cappero di Pantelleria (io ho usato i Lilliput che sono la varietà più piccola), un paio di acciughe, un cucchiaino di aceto balsamico, olio extravergine, semi di finocchio e poco sale grosso quindi mescolate bene tutti gli ingredienti e lasciate riposare, coperto da pellicola, per circa 15 minuti.

3. Spirale su carpaccio.
Preparate qualche fogliolina di lattuga e adagiatevi uno champignon ben lavato e tagliato a fette sottili, quindi versate qualche goccia d’olio extravergine.
Ripiegate con delicatezza la luganega (circa 20 cm, stavolta lasciando il budello) in modo da formare una spirale e fermatela con uno stuzzicadenti, quindi foratela qui e là con una forchetta o con un altro stuzzicadenti. Saltatela in padella oppure sulla griglia ben calda per pochi minuti e servitela sul carpaccino.

È tutto. E ho pure finito la salsiccia quindi adesso tocca inventarsi qualcos’altro…

20
Ago
06

Rotoli di salmone con cous-cous al lime e zucchine in salsa al pepe rosa

Rotolini di salmone

Una cosa rara nel mio blog sono le ricette in cui non vi sia cottura. Nonostante le temperature siano appena un po’ scese sentivo comunque il bisogno di qualcosa di fresco, ma soprattutto avevo la necessità di fare qualche test prima di partecipare con una mia ricetta alla nona edizione dello speciale di Blog Appétit. Gli esperimenti sono andati a buon fine e quindi nella ricetta del 23 dovrei riuscire a fare la mia bella figura in concorso anche se questo vorrà dire pubblicare di seguito due piatti abbastanza simili tra loro… Vabbè, l’importante è il risultato (e con tutte le mie scuse ai cari amici vegetariani, che tornerò ad accontentare quanto prima).

  • 100g di carpaccio di salmone in una sola fetta
  • 2 zucchine medie
  • mezza tazza di cous-cous
  • il succo di 3 lime (2+1)
  • 4 cucchiai d’olio
  • foglie di menta
  • burro, sale, pepe e bacche di pepe rosa

Tagliate a julienne molto sottile le zucchine e mettetele in una ciotola. Spremete i lime e usate il succo di due di essi per fare un’emulsione con l’olio, la menta, il sale e il pepe. Condite le zucchine, coprite con pellicola trasparente e mettete a riposare per almeno mezz’ora in frigorifero. Con il succo del terzo lime fate marinare per lo stesso tempo la fetta di salmone.
Mettete il cous-cous in una ciotola e copritelo con acqua bollente (che il cous-cous dovrà assorbire per raddoppiare di volume).
Trascorsa la mezz’ora unite le zucchine marinate al cous-cous e mescolate per insaporire. Adagiate sulla fetta di salmone e arrotolate, quindi tagliate il “salsicciotto” in 3 tronconi e disponeteli sul piatto. In un pentolino fate fondere una noce di burro con un cucchiaino di pepe rosa che avrete schiacciato col dorso di una lama di coltello… Versate sui rotoli e servite.

31
Lug
06

Cordon Bleu / Valdostana

Valdostana

Per la serie “i grandi fritti dell’estate”… Tanti fichi per dare un nome “commerciale” a un prodotto che poi è parte delle antiche tradizioni culinarie italiane. La costoletta alla Valdostana è un piatto semplice e veloce da preparare e particolarmente apprezzato anche dai bambini (almeno da quelli che crescono belli paffuti e golosi come me) e il suo sapore originale non è nemmeno lontanamente paragonabile a quel surrogato alimentare che risponde al nome di Cordon Bleu.
Per la ricetta tradizionale vi rimando a questo sito (che è ricco di spunti interessanti) e che suggerisce di servire la costoletta su un bel crostone di polenta abbrustolita in forno ma credo sia più adatto in inverno piuttosto che ora…
Nella mia versione ho semplicemente creato un fagottino con delle fettine per carpaccio, prosciutto cotto e fontina che poi ho ripiegato in modo che non fuoriuscisse il formaggio. Le ho passate, nell’ordine, in farina, uovo e pangrattato e le ho fritte 1-2 minuti per parte.
Semplice, veloce e buonissima!

24
Lug
06

Carpaccio con rucola, caprino e pinoli

Carpaccio con rucola, caprino e pinoli

Mi dispiace per il mio caro amico Massi e per tutti i miei affezionati vegetariani, ma sto attraversando il periodo carnivoro (colpa del viaggio in Mar Rosso dove ho mangiato della carne davvero ottima)… Se non altro stavolta mi sono dato ad un piatto che è davvero tipicamente estivo 🙂
Comunque prometto di tornare a pubblicare ricette vegetariane quanto prima, anche perché sarà bene che mi dia una regolata con questo consumo incontrollato di proteine e grassi animali… In ogni caso, per i vegetariani basta sostituire in questa ricetta la carne con un bel piatto di champignons freschi tagliati a lamelle sottili: il risultato è altrettanto efficace e gustoso.
La quantità degli ingredienti giudicatela voi in base al vostro gusto, quello che dovete fare è marinare per un’ora circa le fettine di vitellone in olio, limone, sale e pepe. Poi, al momento di servire, aggiungete nell’ordine rucola, grana, formaggio caprino e pinoli e il gioco è fatto… Et voilà!




Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

  • Circa 4 anni senza pubblicare alcuna ricetta, eppure ancora oggi 120 persone sono venute a visitare il blog...... fb.me/3T3TJPa6i 1 year ago
  • OK, sono stato definitivamente assimilato: dolce inglese per Capodanno! Baileys Trifle. Potrei pure farci un post... ;) 2 years ago
  • Can you eat amazing food in Belfast? Yes, you can! 3 places out... (White Chocolate And Honeyco... @ Made In Belfast) foodspotting.com/reviews/5107079 2 years ago

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare