Posts Tagged ‘cipolla

20
Apr
10

Baigan Masala

Baigan Masala

Vi ricordate che qualche giorno fa vi ho detto che non avevo pubblicato una ricetta perché la foto era venuta orribile? Ecco, la ricetta è questa (e stavolta la foto mi piace).
Si tratta di un piatto che ordino molto spesso alla rosticceria indiana e che non si trova molto facilmente in rete (il curry di melanzane sì, ma è ben diverso). Oltretutto, le già poche ricette che ho trovato sono anche molto diverse tra loro per cui ho dovuto improvvisare. Sarebbe stato senz’altro più scenografico trovare le melanzane mignon, quelle più piccole di un pugno, e riempirle con l’impasto prima di cuocerle, ma anche con le melanzane tagliate a dadini il risultato ha superato abbondantemente le aspettative ed è pure migliore di quello della rosticceria (che già era ottimo).

Continua a leggere ‘Baigan Masala’

Annunci
15
Giu
09

Look and Taste: Crema di peperoni rossi con quenelle di caprino al timo

Crema di peperoni rossi

La ricetta di oggi nasce tra le pagine e i video di Look And Taste (già iFoods.tv), l’ultima creatura di un gruppo di pazzi irlandesi già creatori di Food&Fizz, Twecipe e di un’ottimo software per iPhone. E siccome questa crema di peperoni arriva dritta dal loro ultimo video, mi pare carino iniziare con una breve parentesi in inglese ad uso dei visitatori di L&T (già che gli ho linkato questa ricetta tra i commenti…). Ci rivediamo qualche rigo più in basso per la preparazione del piatto… A fra poco.

——————————————————————————————
Heya everyone! I’m very pleased to introduce Look and Taste (formerly iFoods.tv), a great food site created by the same cool folks behind Food&Fizz and Twecipe. I’ve discovered them on Twitter the same day they started with their first show and now I connect myself there every week to watch their new videos. During the show, they give useful tips and they let common people have their 5 seconds of celebrity with some funny interviews/polls (last one about Gordon Ramsey was hilarious in my humble opinion). Last but not least, chef Niall Harbison shows everyone how to cook tasty recipes in minutes and he explains so enthusiastically well that they really seem easy to do. Yeah I know Niall has cooked for celebrities such Bill Gates and U2 so his recipes might be obviously great, but you surely know how Italians (and in my specific case, an half Italian half French) can have great expectations on cooking since we have some of the greatest foods in the world so I’m not that easy to be impressed… A proof of his goodness is the recipe I’ve prepared for my blog (you can see it in the above picture): this red peppers soup with crème fraîche is absolutely great! Watch it in the last video show (episode 8) on lookandtaste.com!
Of course you can suspect I’m saying these words because of the massive competition on their site… and you’re right: I’ve created this post only to submit it to the contest! But I’m 100% sincere when I say that I love Look and Taste and that they really deserve your visit, so forget the competition and have a look by yourself!
——————————————————————————————

E dopo la breve marchetta a Look and Taste, torno a voi per parlarvi della ricetta di oggi… Come magari avrete letto nel testo in inglese, ho scritto questo post soprattutto per partecipare all’ultimo concorso su Look and Taste che mette in palio uno splendido set di Le Creuset del valore di oltre 500 euro. L’idea degli organizzatori era semplicemente quella di spammare un po’ L&T attraverso i propri contatti di Twitter, Facebook e simili ma io mi sono un po’ allargato ed ho approfittato del blog per dare il mio contributo. Sono stato anche facilitato dal fatto che l’ultima ricetta che lo chef Niall ha presentato si prestava benissimo ad essere riproposta tra queste pagine, seppure con qualche piccola modifica (per esempio un saporito caprino al posto di una cucchiaiata di panna da cucina oppure il nostro ottimo olio toscano al posto di quell’olio palliduccio che usano all’estero), e quindi ho colto l’occasione al volo e mi sono proposto per il concorso in questo modo!
Magari non vincerò, anche perché non credo che si aspettino davvero di poter spedire tutta quella roba fuori dai loro confini nazionali per evidenti grosse spese postali, ma almeno mi sono divertito a provarci ed in più ho potuto provare una nuova e succulenta ricetta da proporre a tutti voi (le dosi sono per 2).

  • 1 grosso peperone rosso
  • 1 carota
  • 2 patatine novelle
  • 1/2 cipolla di Tropea (o di Certaldo, basta che sia una buona cipolla rossa)
  • 100gr di formaggio caprino fresco
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro
  • timo
  • prezzemolo
  • basilico
  • olio extravergine di oliva
  • paprika, sale e pepe

Tagliate finemente la cipolla e mettetela a rosolare in una casseruola con un fondo di olio extravergine e le foglie di due rametti di timo. Dopo un paio di minuti aggiungete il peperone tagliato a tocchetti, la carota a rondelle fini e le patatine novelle (con la loro buccia, quindi ben lavate) a rondelle di circa mezzo centimetro. Fate cuocere, coperto, per 5-6 minuti quindi scoperchiate ed aggiungete un bicchiere d’acqua, la passata di pomodoro, il sale, il pepe e la paprika (le dosi sono a discrezione vostra; anche di acqua potrebbe esserne necessaria un po’ di più per coprire il resto degli ingredienti ma cercate di non abbondare troppo). Cuocete per altri 10 minuti a fuoco medio-basso, mescolando di tanto in tanto, in modo da far ammorbidire le verdure e da ridurre il liquido di circa 1/4 del volume.
A questo punto aggiungete una manciata di prezzemolo e qualche foglia di basilico (mi pare di averne messe 4-5 piuttosto grandi) e frullate bene il tutto con il mixer ad immersione. Versate la crema nei piatti aggiungendo un po’ di prezzemolo tritato per dare più colore.
In una ciotolina a parte lavorate il formaggio caprino con due cucchiaini colmi di foglie di timo quindi, aiutandovi con due cucchiai, preparate le quenelle da adagiare delicatamente sulla crema di peperoni.
Due o tre gocce di olio extravergine completeranno il piatto.

E ora incrociamo tutti le dita perché ‘sto concorso lo vorrei proprio vincere, hehe.
E magari segnatevi anche Look And Taste tra i preferiti… 🙂

02
Mag
07

Trippa alla fiorentina (Buon compleanno blog!)

Trippa alla fiorentina

2 Maggio 2006 – 2 Maggio 2007: è già trascorso un intero anno da quando ho iniziato a scrivere questo blog di cucina! Quasi 100 ricette e un numero di affezionati in continua crescita. Tanto per darvi un’idea, sono passato dai 50-60 amici che passavano a trovarmi ogni mese a circa 15.000 accessi a settimana (in particolare il grosso boom di contatti è avvenuto negli ultimi due mesi). Per me si tratta di un successo enorme e del tutto inatteso e non posso quindi fare altro che ringraziare tutti voi che periodicamente venite qui a leggere le mie pubblicazioni e che con i vostri commenti mi date sempre nuove motivazioni per migliorare e andare avanti… Grazie, grazie di cuore a tutti.
Certo, sarebbe stato più opportuno festeggiare con una torta e le candeline, ma volevo approfittare del clima festoso per omaggiare la mia città che così poco viene citata nelle mie ricette… E quindi ecco a voi la famosissima trippa alla fiorentina!
La trippa è una frattaglia costituita dalla parte di apparato digerente compresa fra esofago e stomaco; quella più comunemente usata è quella del bovino. Dopo la macellazione viene sottoposta a pulizia e bollitura. Per tutti i dettagli e le informazioni nutrizionali vi rimando a questa ottima scheda di GialloZafferano. A Firenze si trovano un po’ ovunque i banchi di trippai e lampredottari e c’è perfino chi stila classifiche o li indicizza tramite GoogleMaps… Siccome però noi fiorentini siamo molto orgogliosi, non starò ad indicare le mie preferenze per non scontentare nessuno e perché obiettivamente sono rare le volte che ho trovato un banco che non mi piacesse (il metro di giudizio infatti di solito va da “mmmm buooooono” a “mmmmmmmmm buonissimoooooo”… la differenza vera semmai è nel condimento più o meno piccante o nella sapidità del brodo di cottura e comunque ogni buon fiorentino sa chi è il vero re indiscusso di questa preparazione).
Per darvi un’altra idea di quanto noi fiorentini siamo legati a questo alimento considerate che il celebre critico gastronomico Leonardo Romanelli ha intitolato il suo blog proprio alle interiora…
Ma basta con le chiacchiere e andiamo a vedere come si prepara:

  • 1 kg di trippa (uso il kg come indicazione generale, dovrebbe andar bene per 4/6 persone a seconda della quantità di portate in tavola)
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • 1/2 litro di brodo
  • 30gr di burro
  • 1 carota
  • 1 cipolla rossa di media grandezza
  • 1 gambo di sedano
  • 1/2 bicchiere d’olio
  • 300gr di pomodori pelati
  • 100gr di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale e pepe

Come prima cosa affettate la trippa a striscie sottili, lavatela per bene (molto ma molto bene) e scolatela. Prendete un tegame e fateci soffriggere carota, cipolla e sedano (sminuzzati) in olio e burro (e qui se volete aggiungete anche uno spicchio d’aglio schiacciato). Aggiungete la trippa, fatela asciugare (togliete l’aglio adesso se l’avevate aggiunto) e sfumatela poi con il vino bianco fino alla sua evaporazione.
Aggiungete i pomodori pelati, il sale e il pepe (la quantità dipende dal vostro gusto) e cuocete la trippa bagnandola ogni tanto con del brodo caldo e girandola spesso.
Al termine della cottura versate sulla trippa il Parmigiano e lasciate riposare lontano dal fuoco per 4/5 minuti.
Servite subito con del buon pane toscano abbrustolito o con i classici panini (rosetta, semelle…) ed eventualmente spolverate con altro Parmigiano…

Ed ora via verso la ricetta n°100… ci siamo quasi…




Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare



Annunci