Posts Tagged ‘pasta fillo

26
Apr
07

Cannelloni di pasta fillo alla ricotta

Cannelloni di pasta fillo alla ricotta

La pasta fillo è un po’ pazzerella: riesce a trasformare il Millefoglie in un secondo salato e un piatto di cannelloni in un dolce che ricorda la tradizione del nostro Meridione… Tutto è nato dal fatto che mi erano avanzati un po’ dei quadrati di pasta fillo dalla ricetta precedente e non volendo sprecare nulla mi sono messo al volo a preparare un dolcino nel mentre che la mia signora dava una mano togliere dal tavolo gli scarsi residui di millefoglie alla burrata… Meno male che avevo da poco comprato le formine cilindriche da cannolo!
Le proporzioni sono per quei due cannelloni che vedete in foto, moltiplicatele quindi per quante bocche da sfamare avete in casa…

  • 2 quadrati pasta fillo da 10-12cm (in effetti potevo fare anche più strati… mmmm… ci penserò)
  • 120gr di ricotta fresca
  • 1 tuorlo d’uovo
  • la buccia grattugiata di mezzo limone (di Amalfi, tanto per rimanere legati alla tradizione)
  • 5 cucchiai di zucchero a velo
  • burro

In una ciotola lavorate il tuorlo con 4 cucchiai di zucchero a velo. Unite la ricotta e la scorza di limone e amalgamate bene.
Avvolgete i quadrati di pasta fillo intorno alle formine da cannolo, spennellateli col burro fuso e passateli 1-2 minuti in forno a 180°C perché prendano la forma giusta. Con una tasca da pasticciere riempite i cannelloni con il composto di ricotta e rimettete il tutto in forno per 5 minuti a 200°C. Se vi sembra che i cannelloni tendano a sbruciacchiarsi, tenete accesa solamente la parte alta del forno e copriteli con un foglio di alluminio…
Servite quindi spolverizzando con il cucchiaio di zucchero a velo rimasto (e al limite con qualche goccia di cioccolato, che ci sta sempre bene!)…

Annunci
24
Apr
07

“Millefoglie” con burrata e asparagi

Millefoglie con burrata e asparagi

È uscito in questi giorni il nuovo numero di Sale&Pepe ma non potevo mettere via quello precedente senza aver prima provato questa ricetta (Tulip, un’altra aggiunta al nostro Club!)… Mi ci è voluto un po’ prima di poterla fare perché ho aspettato di trovare una burrata davvero fresca (libidinosa) ma alla fine ho beccato il giorno della consegna dei prodotti della Cooperativa Il Forteto alla Coop. Il Forteto è una cooperativa agricola con sede nel Mugello che offre prodotti davvero buoni e che ho conosciuto ai tempi del servizio civile perché offriva opportunità di reintegro nel mondo del lavoro a persone che nella vita avevano incontrato delle difficoltà (non sto parlando di me, io facevo l’operatore in una struttura affine). A distanza di anni non so se sia ancora così ma sono rimasto comunque affezionato ai loro prodotti…
Dunque mi sono imbattuto in questa Burrata “Tenerella” (ne esiste anche una versione aromatizzata al tartufo) e ho colto subito l’occasione per preparare questo particolare millefoglie salato…
Vi riposto la stessa ricetta pubblicata su Sale&Pepe perché l’ho seguita quasi passo passo, con la sola differenza di un’aggiuntina di zenzero (cosa che si ritrova spesso nelle mie ricette… che ci posso fare? Mi piace!).

  • 600gr di asparagi
  • 250gr di burrata
  • 6 fogli di pasta fillo (prima la compravo surgelata, ora ho scoperto che la fa anche la Buitoni e si trova “fresca” al banco frigo)
  • 20gr di burro
  • un ciuffo di prezzemolo, tritato
  • un cucchiaino di zenzero in polvere
  • olio, sale e pepe

Pulite gli asparagi e separate le punte dai gambi. Lessate questi ultimi in acqua salata e scolateli. Sbollentate poi le punte e scolatele dopo qualche minuto (i due minuti indicati nella ricetta originale vanno bene se si usano quelli surgelati, per quelli freschi ci vuole un po’ di più) poi mettetele a raffreddare in una ciotola con acqua e ghiaccio per fargli mantenere il loro bel colorito verde.
Tagliate i gambi a pezzetti e fullateli con la burrata insieme a sale, pepe e zenzero (all’ultimo ci ho aggiunto anche due foglioline di menta… crepi l’avarizia!) fino a ottenere una crema liscia e morbida.
Tagliate la pasta fillo in quadrati da 10-12 cm di lato e spennellateli con il burro fuso poi passateli in forno a 200°C per 2-3 minuti.
Componete il piatto alternando un quadrato di pasta fillo alla crema di asparagi e da ultimo guarnite con le punte avanzate. Due gocce d’olio extravergine e una manciata di prezzemolo… e il piatto è servito!

08
Gen
07

Crostata ai formaggi

Crostata ai formaggi

Sono finite le feste! L’avrete sentito dire un miliardo di volte in questi giorni, ma effettivamente “l’Epifania tutte le feste le porta via”. E meno male, aggiungo io: in queste ultime due settimane il mio già non invidiabile peso forma (più che altro “sforma”) è aumentato considerevolmente! Merito anche di alcune ricette presenti nel blog che sono state riproposte in vari pasti da Natale a oggi e merito anche della deliziosa cucina di parenti e amici (e per due di loro poi ci sarà una sorpresa a breve su questo blog).
Tra uno di questi pasti luculliani e l’altro non è che avessimo poi troppa voglia di cucinare, anzi siamo andati avanti a insalate depurative e avanzi, quindi vi deluderò un po’ dicendovi che non ci saranno massicci aggiornamenti con la fine delle festività. Mi sono preparato però per darmi da fare tra i fornelli nei prossimi giorni e spero perciò di poter riprendere un buon ritmo e regalarvi altre delizie al più presto.
Prima di descrivervi la ricettina di oggi però lasciatemi ancora un momento per ringraziare tutti i nuovi “adepti” de La Cuisine de Fabien che sono stati così gentili da lasciare un messaggio di auguri nel post precedente. Se mi sono impegnato per scovare cose nuove da preparare prossimamente è anche per voi, quindi grazie di cuore!
Ed ora è giunto il momento di andare a declamare la ricetta di questa crostata ai formaggi che ha fatto la sua bella e porca figura in una delle cene che già ho citato… le dosi sono per una teglia da 23cm (circa 6 persone):

  • 6 fogli di pasta fillo
  • 60gr di burro fuso
  • 40gr di emmenthal grattugiato
  • 70gr di provolone dolce grattugiato
  • 70gr di fontina valdostana DOP
  • 3 uova
  • 125ml di latte
  • 185ml di panna da cucina
  • 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere

Prendete un foglio di pasta fillo e stendetelo sulla teglia precedentemente unta (o nello stampo in silicone come ho fatto io, ma non è che tutti possono averne uno in casa…), quindi spennellatelo di burro fuso. Coprite il primo foglio con un secondo e spennellatelo e procedete così fino al termine della pasta fillo (se avete i fogli quadrati o rettangolari, vi consiglio ad ogni strato di ruotarli leggermente in modo da formare una specie di stella… serve solamente ad avere gli strati più uniformi). Ripiegate sulla tegli i lembi sporgenti e tagliate la pasta in eccesso. Questa operazione è necessario farla prima se si usa la pasta fillo (mentre potete farla dopo la cottura se usate una semplice sfoglia) per evitare di cospargere pezzetti di pasta fillo cotta per tutta la cucina… purtroppo l’ho capito solo dopo…
A questo punto andiamo a preparare il ripieno. Sbattete leggermente le uova in una capiente terrina e aggiungete uno per volta tutti gli altri ingredienti mescolando bene. Versate il tutto nella teglia e livellatelo se fosse troppo denso. Quindi cuocete la crostata in forno a 180° per circa 35 minuti fino a che il ripieno risulterà ben colorito.

Come spesso accade con crostate e torte salate, il piatto si presta ad essere mangiato anche freddo e infatti ha fatto bella mostra di sé anche nel pranzo del giorno dopo, hehehe…

18
Dic
06

Rotolo di Baklava con crema di cous-cous all’ananas e zenzero e bigné d’ananas

Tribe di Dicembre 2006

Ed ecco finalmente che Tribe se ne esce con il numero di dicembre e le ricette dei vostri blogger preferiti! 🙂
Cenzina, Piperita, Petula, Peggy e me (unico maschietto del gruppo): Tribe ha chiamato a raccolta alcuni dei più ghiotti blogger di cucina, gastronomia, cultura alimentare del web (italiani e stranieri) e li ha invitati a creare un menù natalizio per i lettori… Così recita la pagina della rubrica di cucina “Tequila Sunrise” ed io non posso che essere felicissimo di aver partecipato e di essere in così buona compagnia! A giorni dovrebbe arrivarmi a casa copia della rivista che avrà ovviamente un posto d’onore tra le mie raccolte culinarie e speriamo di riscuotere un discreto successo perché mi piacerebbe avere di nuovo un’occasione del genere…
Tra l’altro, giusto oggi, su Cavolettodibruxelles c’è pure un mini-concorso dedicato al risotto (c’è tempo per votare fino a mercoledì a mezzanotte, quindi affrettatevi!) al quale ho partecipato con una delle prime ricette che sono state pubblicate su questo blog ovvero il risotto di asparagi con riduzione di fragole e aceto balsamico. Ai due vincitori verrà regalata una copia del libro “Cucinare in un istante” di Donna Hay e io sono ovviamente qui a chiedervi di votare per me (soprattutto se siete amici miei e aspettate di essere invitati a cena a casa mia… sarà data la precedenza a chi mi avrà votato, hehehe) anche perché poi potrei approfittare delle ricette del libro per prepararvi chissà quali manicaretti…

Ma torniamo alla ricetta pubblicata su Tribe. Ho aspettato fino ad oggi per inserirla nel blog perché non mi pareva certo carino guastare la sorpresa ai lettori (a proposito, se siete giunti qui perché avete letto la rivista e non eravate ancora miei frequentatori… GRAZIE DI ESSERE QUI!), ma ora è di dominio pubblico e quindi non ci vedo nulla di male a pubblicarla…

1. Rotolo di Baklava

  • 2 fogli di pasta fillo
  • 120gr di frutta secca mista (noci, pistacchi, nocciole…)
  • 60gr di miele
  • burro fuso e cannella

Stendere la pasta fillo e spennellare col burro fuso dopodiché sovrapporre i fogli in modo da formare un doppio strato. Sminuzzare la frutta secca e mescolare bene con il miele, quindi profumare con la cannella. Porre il tutto sulla pasta e arrotolarla.
Cuocere in forno a 180°C per 15 minuti. Tagliare in quattro pezzi e servire (se poi avete un forno piccolo tagliate prima di infornare).

2. Crema di cous-cous all’ananas e zenzero con bigné d’ananas

  • – fase1:
  • 250gr di succo d’ananas
  • 10gr di rhum
  • 10gr di fecola di patate
  • 50gr di zucchero
  • – fase 2:
  • 350gr di latte
  • 120gr di zucchero
  • 70gr di semola
  • 3gr di zenzero in polvere
  • 50gr di panna da montare
  • – fase 3:
  • 1 uovo
  • 100gr di acqua gelata
  • 200gr di farina
  • 2 cubetti di ghiaccio
  • 4 fette di ananas
  • 5gr di rhum
  • 20gr di zucchero

– fase 1: In un pentolino portare a ebollizione il succo d’ananas, il rhum e lo zucchero. Quindi legare il tutto con la fecola.
– fase 2: Far bollire il latte con lo zucchero e lo zenzero (potete usare anche quello fresco a fettine, poi però ricordatevi di passare al colino per toglierlo prima del prossimo passaggio). Aggiungere quindi la semola e cuocerla, sempre mescolando, per circa 5 minuti. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare e, una volta fredda, incorporare la panna.
– fase 3: Preparate la pastella sbattendo l’uovo con l’acqua gelata e incorporando la farina, poi lo zucchero e infine i cubetti di ghiaccio. Tagliare a metà le fette di ananas (in modo da avere delle mezzelune) e farle marinare nel rhum. Al momento di servire, immergere l’ananas nella pastella e friggerlo in olio bollente a 170°C per un paio di minuti.
Comporre la crema versando in una coppetta le preparazioni nell’ordine in cui sono state presentate: salsa, cous-cous e infine bigné.

Ad essere sincero, credo che la ricetta sarebbe venuta meglio (non fraintendete, è davvero buona) se al posto dell’ananas avessi usato le arance… purtroppo al momento di preparare la ricetta ancora non si trovavano… Quasi quasi per Natale ci provo così poi vi so dire…
E adesso tutti in edicola! Vi aspettano le ricette delle mie amiche di blog… E non dimenticate di votare il mio risotto

01
Nov
06

Fagottini con patate e funghi

Fagottini di pasta fillo

Qualcuno si affretterà a dire che questi fagottini in realtà sono i celebri Samosa… e invece no: intanto nei samosa non si usa la pasta fillo; e poi sono ben diversi gli ingredienti. I miei fagottini in realtà sono semplicemente una sfiziosa soluzione per preparare qualcosa di buono mentre si hanno altre diecimila cose da fare oppure quando si è troppo stanchi per cucinare ma non si vuole rinunciare a mangiare bene. Vale per noi la seconda delle due, visto che è da un po’ che stiamo risistemando l’appartamento e siamo sempre indaffarati tra il sistemare le vecchie cose e goderci le nuove (anzi, se vi servono dei mobili in stile… abbiamo ancora una camera matrimoniale e un salotto da dare via…).

  • 4 fogli di pasta fillo
  • 4 patate
  • 200g di funghi champignon
  • 1dl di panna da cucina
  • 1 cucchiaio di grana grattugiato
  • timo, sale e pepe
  • burro fuso

La preparazione è molto semplice. Sbucciate e tagliate a tocchetti le patate e lessatele in acqua salata. Pulite i funghi e tagliateli a fettine, poi saltateli in padella con poco olio a fuoco medio per una decina di minuti. Salate, pepate e profumate con il timo.
Quando le patate sono pronte, passatele nello schiacciapatate e raccoglietele in una ciotola. Unite i funghi, la panna e il grana e amalgamate il tutto fino a ottenere una densa purea.
Spennellate con il burro fuso i fogli di pasta fillo (si trovano anche surgelati al supermercato) che avrete tagliato in quadrati di circa 25 cm di lato e sovrapposti a due a due. Mettete un po’ di purea al centro di ogni quadrato e ripiegateli prima a triangolo e poi unite le punte verso il centro per ottenere un simpatico fagottino. Spennellate ancora la superficie con il burro se vi sembra troppo secca e poi infornate i fagottini a 180° per circa 15 minuti.

Un altro motivo per cui è nata questa ricetta era che avevo degli avanzi di pasta fillo da utilizzare… Mi erano rimasti dopo aver preparato per un’iniziativa in cui mi ha coinvolto Cavoletto e di cui vi darò notizie dettagliate intorno a Natale (o giù di lì)… Curiosi? Hehehehe…




Shop






Premio BlogCafé 2007


Tweet

  • So the #iPhoneX 256gb costs $1149 or £1149: it’s $350 of free money for each phone sold in UK. Top notch skimming | #iPhoneXlaunch #Brexit 3 weeks ago
  • Circa 4 anni senza pubblicare alcuna ricetta, eppure ancora oggi 120 persone sono venute a visitare il blog...... fb.me/3T3TJPa6i 2 years ago
  • OK, sono stato definitivamente assimilato: dolce inglese per Capodanno! Baileys Trifle. Potrei pure farci un post... ;) 2 years ago

Archivio

Contatti e altro

Fabien Butazzi network

email: fabien.b@gmail.com

Creative Commons License

All pictures and texts are work by Fabien Butazzi and they are licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Blogger against hunger

Iscriviti a Queexo, il primo Social Network che ti fa guadagnare